L’Avventura alle Regionali 2014

di Lo Staff

Ecco la rassegna stampa storica di quando siamo stati ammessi alle regionali 2014

LA REPUBBLICA, 10 GENNAIO 2014
“Elezioni Sardegna, il logo M5S non ci sarà. Ammesso un altro simbolo della lista clone”.

L’immagine del “Nuovo Movimento” non contiene più gli asterischi gialli ma presenta un QR Code sopra l’isola con il quale è èpossibile collegarsi direttamente al sito su uno smartphone. Caduto nel vuoto l’appello all’ex comico di poter utilizzare il logo a 5 stelle. CAGLIARI – Il simbolo del Movimento 5 stelle non sarà presente sulla scheda elettorale delle prossime elezioni regionali sarde in programma il prossimo 16 febbraio. Il Nuovo movimento Sardegna, la lista vicina a Grillo sull’isola, ha presentato un logo diverso per le elezioni, che è stato ammesso dalla Corte d’Appello di Cagliari. Dopo la bocciatura dell’immagine con i cinque asterischi, la lista civica ha modificato il proprio simbolo: sono spariti i cinque asterischi che ricordavano le cinque stelle di Grillo ma è rimasta la Sardegna sullo sfondo. Sull’isola è stato collocato un QR-code con il quale è possibile connettersi direttamente al sito del movimento. Una novità in Italia, la prima volta che un simbolo, grazie alla tecnologia, può dirottare, attraverso l’ausilio di smartphone a tablet, ad altri contenuti.

Ieri “gli attivisti certificati del Movimento”, come si sono definiti, avevano richiesto a Grillo l’autorizzazione per utilizzare il logo a 5stelle. Un appello caduto nel vuoto. Secondo l’ex comico, le divisioni interne fra gli attivisti non permetterebbero una reale rappresentazione del Movimento alle elezioni. La replica degli esponenti del Nuovo movimento Sardegna a Grillo è chiara: “Noi siamo Cinquestelle veri, i nostri valori e le nostre proposte sono Cinquestelle, senza bisogno di loghi, senza bisogno di autorizzazioni dall’alto. Non vogliamo che un movimento popolare sia fermato da un diritto di copyright. Questa è la vera democrazia dal basso. Vogliamo dare una speranza ai sardi che avrebbero voluto votare per il Movimento” scrivono in un comunicato.

Ora il quadro dei partecipanti alle elezioni regionali del 16 febbraio prossimo è completo: tutti i trentaquattro contrassegni presentati sono stati ammessi.

 

Di seguito invece il link del servizio giornalistico di Videolina dell’ 11 gennaio 2014

http://www.videolina.it/video/servizi/56779/ammesso-il-simbolo-di-nuovo-movimento-sardegna-e-il-34.html

E la nostra rinuncia (13 Gennaio) : Il Nuovo movimento Sardegna è fuori, Agus (Pd) tiene in corsa gli altri grillini (da L’Unione Sarda)

Il Nuovo movimento Sardegna non ce la fa: niente liste. Accuse a Beppe Grillo. E spunta l’altra lista.

Gli “orfani” di Grillo – in corsa c’è anche un’altra lista ispirata al M5S – che avevano presentato il simbolo con il Qr code, si ritirano dalle regionali. “Nonostante l’entusiasmo e il sacrificio di tanti attivisti Cinquestelle – spiegano – non abbiamo avuto il tempo per raccogliere le migliaia di firme imposte da una legge incostituzionale, voluta dai grandi partiti per eliminare le forze nuove e democratiche”. “La ricusazione del nostro primo logo – aggiungono – ha fatto sì che potessimo iniziare la raccolta solo sabato, e in due soli giorni è stato impossibile completarla”. Il movimento rende noto di aver ricevuto oltre settemila e-mail di stima. Ma niente da fare. “Di tutto questo – attaccano – dobbiamo ringraziare prima di tutto Beppe Grillo, che non ha voluto presentare una lista del M5s, che non ha voluto sostenere la nostra iniziativa generosa, e il cui silenzio dimostra disinteresse per la nostra Isola. Dobbiamo ringraziare quegli attivisti che, svanito il patrocinio del M5s nazionale, per paura di esporsi non hanno voluto darci il loro aiuto, dimenticando che la nostra iniziativa era volta a salvare la Sardegna e non andava contro i principi a 5 stelle che animano tutti noi”. Il futuro? “Intanto, la Sardegna sarà condannata ad altri 5 anni di distruzione perchè chiunque vincerà le elezioni non porterà avanti alcuna iniziativa per il bene dei sardi. Ecco perché, come indicazione di voto agli elettori Cinquestelle, suggeriamo di scrivere sulla scheda elettorale ‘Volevamo il Movimento!’. Avremmo regalato il nostro programma a chiunque lo avesse voluto realizzare. Ma nessuno lo farebbe”.

GLI ALTRI GRILLINI – Una delle due liste orfane di Grillo, “Iride, Onestà e progresso”, ha ottenuto l’adesione tecnica del consigliere regionale del Pd, Tarcisio Agus, e ha consegnato l’elenco per le circoscrizioni di Cagliari, Medio Campidano e Sulcis. Un aiuto che ha consentito ai promotori della lista vicina ai meet up a cinque stelle di evitare la via crucis della raccolta delle firme. Potrebbero essere gli unici eredi di Grillo alle prossime elezioni regionali. “La partecipazione è salutare alla democrazia”, ha chiarito Agus.

Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati